Tassa di Soggiorno

Comune di Roma richiede una Tassa di Soggiorno (contributo di Soggiorno). Preso Case per ferie, come Villa Letizia, Tassa di Soggiorno è di 3.50 euro a persona a notte seconbdo regolamento prescritto dalla Comune di Roma.
L'importo sarà trasferito all'Amministrazione comunale.

Il contributo di soggiorno è stato introdotto a decorrere dal 1° gennaio 2011 con Deliberazione n. 38 dell'Assemblea Capitolina del 22/12/2010. Presupposto del contributo è il pernottamento di cittadini non residenti in strutture ricettive alberghiere ed extra alberghiere situate nel territorio di Roma Capitale.
Il 30/03/2018, con Deliberazione n. 32, l'Assemblea Capitolina ha deliberato il Nuovo Regolamento sul Contributo di Soggorno con le novità relative agli alloggi per uso turistico e quelli destinati alle locazioni brevi.

Regolamento sul Contributo di Soggiorno (deliberazione A.C.n. 32 del 30 marzo 2018)

Il nuovo Regolamento sul Contributo di Soggiorno di Roma, approvato dall’Assemblea Capitolina con deliberazione n. 32 del 30 marzo 2018, ha introdotto importanti novità,tra cui l’applicazione del Contributo di Soggiorno alle locazioni brevi,il riconoscimento della qualificadi agentecontabileper i gestori delle strutture ricettive, l’ampliamento dei soggetti esenti.Le disposizioni regolamentarisi applicano a decorrere dalla data del 21 aprile 2018(data di esecutività del Regolamento).

Locazioni brevi

D’ora in avanti,gli ospiti non residenti a Roma che soggiornano in appartamenti privati, inclusi gli alloggi per uso turistico,locati per non più di 30 giorni (locazioni brevi), sono tenuti al pagamento del Contributo pari a € 3,50 a personaper ogni pernottamento. Il contributo si applica solo per i primi 10 giorni.Chi incassa il canone/corrispettivo dovuto per la locazione breve (locatore, sublocatore, comodatario) o interviene nel pagamento dello stesso (intermediario immobiliare o gestore di portale telematico) avrà il compito di rilasciare all’ospite una ricevuta da cui risulti il numerodei pernottamenti e il pagamento del Contributo di soggiorno dovuto.L’obbligo del pagamento del Contributo di Soggiorno per queste nuove forme di ospitalità vaad aggiungersi a quellogià previsto per le strutture ricettive alberghiere,extra-alberghiereed all’aria aperta

Studenti e lavoratoriIl

Contributo è applicato:
-fino a un massimo di dieci pernottamenti complessivi nell’anno solare
-fino ad un massimo di cinque pernottamentiper le strutture ricettive all’aria aperta(campeggi, villaggi turistici ed aree attrezzate per la sosta temporanea)
-nei casi ove il pernottamento si prolunghi nel tempo, anche in modo non continuativo, purché contrattualmente prefissato, da parte di studenti o lavoratori per frequentare corsi di studio, attestati dalle rispettive università o enti di formazione accreditati presso gli enti territoriali, oppure per ragioni dovute al lavoro, documentabili tramite autodichiarazione soggetta alle norme sulle false dichiarazioni (D.P.R. n. 445/2000 e ss.mm.ii.)

Sono esenti dal pagamentodel Contributo:
-minori entro il decimo anno di età;
-coloro che pernottano presso gli ostelli della gioventù;
-i malati e coloro che assistono degenti ricoverati presso strutture sanitarie, in ragione di un accompagnatore per paziente. Sono, altresì, esenti dal contributo di soggiorno i genitori accompagnatori di malati minori di diciotto anni. Il paziente o l’accompagnatore dovrà rendere una apposita dichiarazione, ai sensi della normativa che disciplina le false dichiarazioni(D.P.R. n. 445/2000 e ss.mm.ii.),attestante le generalità del paziente ed il periodo di riferimento del ricovero e/o delle prestazioni sanitarieche non dovranno essere specificate, a tutela della privacy;
-gli autisti di pullman e gli accompagnatori turistici che prestano attività di assistenza a gruppi organizzati dalle agenzie di viaggi e turismo. L’esenzione si applica per ogni autista di pullman e per un accompagnatore turistico ogni 25partecipanti;
-il personale appartenente alla Polizia di Stato e alle altre forze armateche pernotta per lo svolgimentodi attività di ordine e sicurezza pubblica, come definita nel Testo Unico di Pubblica Sicurezza e dal relativo Regolamento di esecuzione;
-gli ospiti delle strutture ricettive e degli appartamenti privati, inclusigli alloggi ad uso turistico,con contratto di locazione breve,che insistono nell'enclave extraurbano di Roma Capitale denominata: frazione territoriale di Polline e Martignano;
-il personale delle strutture ricettive che presta la propria attività lavorativa nella struttura;
-coloro per i quali, indipendentemente dal luogo di residenza, sussistano le condizioni per l’assistenza alloggiativa immediata e temporanea di primo soccorso, attivata dalla Protezione Civile, nelle strutture ricettive di Roma Capitale, in caso di eventi straordinari e imprevedibili di protezione civile;
-coloro che alloggiano in strutture ricettive a seguito di provvedimenti adottati da autorità pubbliche per fronteggiare situazioni di carattere sociale, nonché di emergenza, conseguenti ad eventi calamitosi o di natura straordinaria o per finalità di soccorso umanitario;
-i volontari che prestano servizio in occasione di eventi calamitosi o di natura straordinaria per finalità di soccorso umanitario.

Chi riscuote il Contributoe a quale titolo

In caso di ospitalità presso strutture ricettive alberghiere, extra-alberghieree all’aria aperta,il gestore della struttura è tenuto a riscuotere il Contributo, ,e a rilasciare ricevuta all’ospite, evidenziando l’importo dovuto per il Contributo di Soggiorno, separato da quello dovuto per il pernottamentoriportando la scritta :”Assolto contributo di soggiorno per Euro.....,...”.Il gestore è agente contabile(vedi par. Ulteriori obblighi).In caso di ospitalitàin appartamenti privati, inclusi gli alloggi ad uso turistico, con contratto di locazione breve, chi incassa il canone/corrispettivo della locazione(locatore, sublocatore, comodatario) o interviene nel pagamento dello stesso (intermediario immobiliare o gestore di portale telematico)ha l’obbligo di riscuotereil Contributo, rilasciandone ricevuta, con le stesse modalità sopra indicate ed è responsabile del pagamento del Contributo di Soggiorno, con diritto di rivalsa nei confronti dell’ospite qualora quest’ultimo non lo abbia corrisposto

Link per approforndire argomento

https://www.comune.roma.it/web/it/scheda-servizi.page?contentId=INF41430
https://www.comune.roma.it/pcr/it/dip_ris_eco_contr_sogg.page
http://www.060608.it/it/accoglienza/servizi/servizi-turistici/contributo-di-soggiorno-nella-citta-di-roma-capitale-1.html